Falastin diaries – al-Ma’asara demo @14.09

Posted on 14 settembre 2012

0


Mohammad ce lo aveva detto, il sermone del venerdì dell’imam sarebbe stato un arringa di passione contro la blasfemia della produzione “Innocence of Muslisms”. Così è stato. Le parole risuonavano tonanti per al-Ma’asara, chissà quanto peso è stato dato alla religione e quanto alla politica, la linea sottile che separa un tranello ben riuscito da una patacca mediatica.

Da cinque anni a questa parte la fine della preghiera scandisce il superamento di entrambe le misure, religiosa e politica, rinnovandosi nell’attivismo che si oppone all’occupazione. Un venerdì particolare, 14 settembre a metà strada tra la ricorrenza degli infami Accordi di Oslo del 1993 che hanno dato carattere indefinito all’occupazione e la tragica memoria del massacro di Sabra e Chatila del 1982.

Un massacro che è stato scandito nelle parole dei manifestanti palestinesi, un ricordo che ancora brucia e si fonde con il pensiero onnipresente di chi non è più a casa, quei milioni di rifugiati che vivono quotidianamente l’occupazione anche a centinaia di chilometri di distanza dall’origine dell’oppressione, donne e uomini abbandonanti ai soprusi delle parti ospitanti, un tempo Libano e ora in Siria.

Una quarantina i manifestanti totali, internazionali e israeliani compresi, pochi meno i soldati israeliani che hanno disposto il blocco delle due arterie stradali che permettono l’uscita dal villaggio in direzione dei terreni espropriati, dove un tempo c’erano gli ulivi ora è in programma l’estensione del muro.

Gli slogan, i canti, le foto da entrambe le parti, si prova a forzare il cammino, ci si siede per terra, si torna indietro. Negli occhi lo sguardo disinteressato di una giovane soldatessa, unghie curate e fucile in mano, i peli che barba ancora non sono di alcuni soldati, i gas-lacrimogeni sempre pronti sulla canna, le pose incuranti -e provocatorie- dei bambini palestinesi.


E poi finisce così, in sordina come è iniziata. Quasi una routine tra queste colline, quasi una resistenza per inerzia sotto questo sole rovente.

Annunci
Posted in: Senza categoria