Lungoni Macht Frei

Posted on 2 agosto 2012

0


E’ risaputo che a Lungoni ci piace fare le cose un po’ così, in maniera cinofallica, tanto per non essere troppo volgari e diretti. Anche quando non arriva il solito geniale guizzo dall’esterno, l’ultimo grido, riusciamo da soli a presentare capolavori di indiscutibile validità urbana. Ricordiamone alcuni:

. La rotatoria dalle misure sibilline che porta il traffico sulla Strada Provinciale 90: facendola un poco più grande la fontana era d’obbligo, perché privarsene? E a Lungoni di fontane funzionanti siamo esperti, si veda quella in Piazza Vittorio Emanuele

. Il Teatro la cui inaugurazione slitta da più di tre anni, con le strutture già in evidente stato di decadenza e un potenziale di utilità alla popolazione mai seriamente valutato

. La vicenda E.S.I.T.  caduta nel dimenticatoio con la pesante eredità del rudere dell’ex-hotel in un punto strategico del paese: a tal proposito è simpatico ricordare la mano di vernice data alle travi di legno che coprono i lavori fermi da anni

Questi sono solo pochi esempi ma tra i più rappresentativi, meglio poi non aprire vecchi vasi di Pandora come la “nuova Piazza Vittorio Emanuele”, il tunnel e il Porto turistico perché potremmo anticipare la tabella di marcia del 21 dicembre 2012: un po’ di rispetto per i Maya, ajò!

E’ proprio di questi giorni il parto del nuovo pargolo: i cancelli che delimitano l’isola pedonale intorno alla Piazza Vittorio Emanuele. Si preannuncia un agosto tra i più fiacchi degli ultimi venti anni turisticamente parlando ed è così che qualche mente diabolica ha ben pensato di movimentare la fiacca calura estiva, senza ciattuli, senza turisti, senza idee.

SDC11924

Due cancelli, il primo situato all’incrocio tra via Cavour e via Umberto I, il secondo tra via Pietro Marielli e via Carlo Alberto. E’ vero, le transenne utilizzate in passato dalle ore 21 alle ore 2 non erano sicuramente una bella visione, ma questa trovata?
Il passaggio permette l’attraversamento dei mezzi di scarico merci, ma sarà una sfida all’ultimo sangue con le sbarre in caso di transito di quelli più imponenti, senza considerare il rallentamento causato ai mezzi di soccorso quali ambulanze o mezzi dei Vigili del Fuoco.
I dubbi aumentano questi giorni di inaugurazione proprio per il silenzio  che circonda l’installazione, considerata la perenne apertura del cancello che permette il transito dei veicoli e venendo così meno alla funzione primaria del loro essere. La domanda che un individuo razionale dovrebbe porsi è la seguente: perché non è stato utilizzato un cartello o al più una colonna elettronica?
Quale è quindi la vera funzione dei cancelli e chi ne ha voluto la costruzione? Alcune ipotesi circolano già sui social network, eccole riportate con l’aggiunta di nuove, sentiamoci dunque liberi di esprimerne altre nello spazio dei commenti.

. Per fare un remake della pubblicità olio cuore. memorial Mike Bongiorno

. Per ricordare un pezzo dei Pantera “Cementery Gates”

. Per chiuderci dentro i turisti, in modo che restino anche d’inverno

. Fungono come i cancelli di Moria.

. Per mostrare che riescono (anche) a fare lavori (anche se inutili) in poco tempo

. Serve per ballare il limbo

. Equitazione, salto ostacoli

. È un metal detector, per non far rubare le panchine/griglia della piazza

. Gomblotto del Nuovo Ordine Mondiale per rovesciare l’edicola di Tina e Angelo e il market di Gino Battaglia

. Aggiungere suspance alla rivisitazione della fondazione del paese, che ormai ci ha fatto due palle così

. I Fidali ’69 stanno organizzando un maxi-tornero di softair per la festareddha

. Costruzione dello Stargate

. Scatenare un concorso letterario a sorpresa di ciattuli sull’installazione dei cancelli

. Installazione di un cartello con la scritta “Lungoni Macht Frei”

 

Annunci
Posted in: Senza categoria